Contratto Lavoro

Come funzionano gli aumenti dei Metalmeccanici con l’inflazione?

Aumenti Metalmeccanici

Il rinnovo del CCNL Metalmeccanici 2016-2019 ha introdotto un’importante novità legata alla retribuzione che ora prevede una rivalutazione annua sulla base dell’inflazione reale calcolata dall’Istat.

I lavoratori quindi non avranno in busta paga l’aumento a gennaio ma a giugno, cioè dopo che l’Istituto di Statistica ha pubblicato a maggio il valore dell’anno precedente.

In molti hanno letto sui siti dei quotidiani la somma che fa arrivare l’aumento retributivo mensile con questo nuovo contratto a 92 euro. E’ bene essere molto cauti nel pubblicare questi valori: sicuramente questo è un buon rinnovo ma pubblicizzare cifre così alte è errato, soprattutto senza dettagli.

Vediamo nello specifico a come si è arrivati a quella cifra:

  • se prendiamo la stima dell’inflazione Istat, gli incrementi retributivi in busta paga per il triennio di riferimento sono di circa 51 euro lordi, da dividere in tre tranche erogate a giugno 2017, 2018 e 2019. Questo dato è valido nel caso che il costo della vita salga del 2,7% in tre anni
  • oltre a questo valore, l’unico che il lavoratore vedrà realmente in busta paga, ci sono anche altri elementi previsti dal contratto:
    • aumenta il contributo della previdenza integrativa: +7,5 euro al mese (273 euro in tre anni)
    • contribuzione aziendale per la sanità integrativa: +13 euro al mese (468 euro in tre anni)
    • introduzione di piani di welfare con benefit detassati: +12,5 euro al mese (450 euro in tre anni)
    • sostegno alla formazione continua: +7,69 euro al mese (300 euro in tre anni) 

Quindi, come già detto poco sopra, tutti questi elementi elencati sono certamente un valore positivo per il lavoratore metalmeccanico ma il percepito di tutti i giorni sarà diverso. Ciò che si vedrà in busta paga a partire dal giugno del prossimo anno saranno poco meno di 20 euro lordi medi di aumento mensile, che molto probabilmente saranno circa 10 euro lordi  per il giugno 2017.

[Aggiornamento del 29/08/2018] Sono stati pubblicati i nuovi minimi dal 1 giugno 2018.


[Aggiornamento del 08/06/2017] Sono stati ufficializzati i dati dell’inflazione 2016 che hanno determinato gli aumenti del CCNL dal 1 giugno 2017. Purtroppo brutte novità per i lavoratori.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

19 Replies to “Come funzionano gli aumenti dei Metalmeccanici con l’inflazione?”

  1. Anonimo says: Dicembre 10, 2016 at 1:12 pm

    complimenti per la chiarezza, purtroppo altri giornali e siti hanno trattato con superficialità l'argomento, soffermandosi solo sulla cifra di 92€

    1. arianna says: Dicembre 11, 2016 at 5:59 pm

      @anonimo 10 dicembre: grazie.

  2. Anonimo says: Dicembre 12, 2016 at 9:18 am

    51 euro lordi in 3 anni sono una miseria, è una truffa rispetto ai rinnovi degli anni passati!

    1. Anonimo says: Dicembre 14, 2016 at 9:38 am

      Visti i livelli di inflazione non c'era da aspettarsi niente… lo scopo del rinnovo non è quello di fare lievitare la busta paga, lo scopo è quello di bilanciare il salario in base alle variazioni del costo della vita; se non c'è inflazione è logico che non ci sono aumenti…
      Scrivo questo per i tanti che pensano che ad ogni rinnovo automaticamente deve aumentare lo stipendio, lamentela che soprattutto a lavoro sento fare spesso…

    2. Anonimo says: Gennaio 20, 2017 at 2:20 pm

      Più che per i tanti che "pensano" direi i tanti che "sperano"… non facciamolo passare come qualcosa di non dovuto…

  3. Anonimo says: Gennaio 5, 2017 at 8:22 am

    Salve, ho un contratto di apprendistato di 30 mesi ccnl metalmeccanico iniziato il 05/02/2016 con passaggio di livello ogni 10 mesi. Dal 05/12/2016 è scattato il livello successivo. Purtroppo nella undicesima busta paga (quella relativa al mese di Dicembre) il passaggio non risulta e quindi nemmeno l'aumento salariale. E' legale questo? Personalmente nella busta paga di Dicembre mi aspettavo 4 giorni calcolati sul livello precedente ed i restanti sul livello successivo; inoltre la tredicesima è stata calcolata tutta sullo stesso livello, mentre una mensilità (dicembre) sarebbe dovuta essere calcolata sul nuovo livello. Per non parlare di colleghi che hanno iniziato l'apprendistato il mese prima e all'undicesima mensilità risultava l'aumento salarialeed il passaggio di livello. Si tratta di un'azienda con più di 500 dipendenti dove non esiste il sindacato. Grazie per chi può rispondermi.

    1. arianna says: Gennaio 5, 2017 at 8:45 am

      @anonimo 5 gennaio: rivolgiti ad un consulente del lavoro.

  4. Unknown says: Marzo 15, 2017 at 6:26 pm

    Dopo 16 mesi ho avuto lo scatto di livello da 2° a 3° ..volevo sapere se tra altri 16 mesi avrò il 4° livello oppure non è scontato. Grazie

    1. arianna says: Marzo 15, 2017 at 9:23 pm

      @matteo: ma hai un apprendistato? Se la risposta fosse no, l'aumento di livello non è automatico.

  5. Anonimo says: Marzo 22, 2017 at 10:49 am

    Buongiorno, sono un manager di un'azienda metalmeccanica (responsabile post-vendita di due officine meccaniche) per una grossa azienda che commercializza vetture.
    Mi avevano promesso una retribuzione di pari livello alla mia mansione e invece mi ritrovo inquadrato al 3° livello. Non dovrei essere almeno 5S? Praticamente prendo meno dei meccanici e accettatori di cui sono responsabile (non mi vengono dati neppure gli straordinari che invece io faccio erogare per i miei collaboratori).

    1. arianna says: Marzo 22, 2017 at 11:14 am

      @anonimo 22 marzo: si, sicuramente.

  6. Anonimo says: Aprile 10, 2017 at 7:19 pm

    Buongiorno, a me è scaduto un apprendistato l' 8 marzo concluso al 5° livello. Adesso, mi ritrovo inquadrato ancora 5° livello con la stessa RAL. E' normale? Mi aspettavo comunque un ulteriore scatto di livello o quantomeno un aumento!
    Sono ignorante in materia! Grazie!

    1. arianna says: Aprile 10, 2017 at 9:23 pm

      @anonimo 10 aprile: no, con il passaggio al termine dell'apprendistato non ci sono più scatti.

    2. Anonimo says: Maggio 6, 2017 at 9:36 am

      Ciao,si! È normale perché il periodo di apprendistato prevede che alla fine del primo anno c'è un aumento di categoria, il secondo annol'aumento salariale pari a quello del quinto livello e alla fine del contratto il livello di destinazione( cioè il quinto).
      Concludendo, a fine contratto avrai la giusta paga per il livello di inquadramento per cui eri destinato

    3. Anonimo says: Maggio 6, 2017 at 9:40 am

      Per quanto riguarda gli scatti di anzianità, c'è uno scatto ogni due anni per un totale di 5 in tutta la vita lavorativa a prescindere dal livello di inquadramento

  7. Unknown says: Aprile 12, 2017 at 10:12 pm

    Buonasera, volevo sapere quanto è il RAL adeguato per un responsabile di produzione in un'azienda metalmeccanica e il relativo livello.

  8. Riva Emanuele says: Aprile 1, 2018 at 8:30 pm

    Buona sera,
    una domanda riguardo agli aumenti degli scatti di anzianità del contratto dei metalmeccanici, aumentano ogni due anni fino a un massimo di cinque scatti, ma cinque scatti per ogni livello oppure cinque scatti in totale? Ovvero cinque al terzo livello, cinque al quarto, cinque al quinto…oppure a secondo dei passaggi potrebbero essere due al terzo, due al quarto e l'ultimo al quinto, ogni due anni?
    Grazie in anticipo.

  9. arianna says: Aprile 1, 2018 at 9:46 pm

    @emanuele: gli scatti di anzianità sono cinque ogni due anni in tutta la vita lavorativa a prescindere dai livelli.

  10. Riva Emanuele says: Aprile 2, 2018 at 8:08 pm

    @Arianna: innanzitutto grazie, poi una considerazione, quindi se uno resta quarant'anni nella stessa azienda ha gli scatti fermi a trent'anni prima…incredibile!
    Grazie ancora e buona serata.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*