Contratto Lavoro

Addio al Pin INPS, ecco come si accede ai servizi online

Inps

 

Per chi utilizza il portale Inps per contributi, richiesta bonus e indennizzi o congedi, c’è un’importante novità legata al Pin Inps. A partire dal 1 settembre 2021 il codice alfanumerico utilizzato per accedere al portale sarà inutilizzabile da tutti gli utenti con profilo diverso da “cittadino”, cioè partite IVA, professionisti, consulenti, imprese, ecc.

Dal 1 ottobre invece anche per entrare nei “servizi al cittadino”, cioè quelli a cui normalmente accedono per fare le operazioni elencate sopra, saranno inaccessibili tramite PIN. A partire da inizio ottobre l’accesso ai servizi online sarà possibile solo attraverso Spid, Carta di identità elettronica (Cie) e Carta nazionale servizi (Cns).

Questa transizione al digitale è prevista dal Decreto Semplificazioni 2020 e l’Inps è solo uno dei tanti enti statali per cui si stanno dismettendo le vecchie credenziali di accesso a favore di strumenti più “digitali”.

Oggi la Carta di identità elettronica è piuttosto diffusa ma sicuramente il mezzo migliore per accedere al portale Inps e anche agli altri servizi dei portali statali, regionali e comunali è lo Spid. Al link trovate il sito del governo italiano con tutti i dettagli e l’elenco dei gestori per aprire l’identità digitale.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*