Contratto Lavoro

Green pass e smart working, ecco cosa dice il decreto

green pass lavoro

 

Dal 15 ottobre 2021 è entrato in vigore l’obbligo di Green pass per chi lavora in aziende pubbliche e private. Tuttavia con la pandemia ancora in corso ci sono molti che si domandano se questo obbligo vale anche per chi lavora da casa o in smart working.

E’ quindi bene specificare fin da subito che chi non ha il green pass non può lavorare da casa. Questo è scritto in modo molto chiaro sul Dpcm, il lavoratore che non ha la carta verde non può essere adibito al lavoro agile. Valgono quindi le regole già viste in precedenza e cioè i lavoratori saranno considerati assenti ingiustificati.

Naturalmente ci sono anche gli esenti dal vaccino che dovranno esibire un apposito QR code e sui quali non potranno essere effettuati controlli.

Nel caso di aziende, pubbliche o private, che continuano ad utilizzare lo smart working per i propri lavoratori nulla cambia. Questi resteranno a casa nei giorni previsti dall’accordo aziendale e poi si dovranno recare in sede previa presentazione del green pass.

In caso di assenza ingiustificata per mancata presentazione della carta verde, il lavoratore verrà sospeso e non riceverà la retribuzione o qualsiasi altra componente della retribuzione stessa. Questi giorni inoltre non concorrono alla maturazione di ferie o dell’anzianità di servizio.

 

Leggi tutti gli aggiornamenti sul green pass di Contratto di Lavoro.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*