Contratto Lavoro

Search for: isee

Calcolo ISEE Inps

Nel corso del 2017 l’Inps ha pubblicato online un simulatore ISEE che consente di calcolare in modo semplice e veloce l’indicatore della situazione economica. Questo dato è necessario per ottenere molti servizi sociali e vantaggi fiscali come gli assegni di maternità, iscrizione ad asili nido e scuole dell’infanzia, agevolazioni sulle tasse, servizi socio sanitari e molto altro.

Il servizio è accessibile online sul sito Inps senza necessità di accesso tramite Pin alla propria area personale. Dal link che trovate sopra potete procedere al calcolo dell’ISEE ordinario e di ISEE specifici (minorenni, università, socio sanitario, dottorato di ricerca).

Per raggiungere il servizio dalla home page del sito Inps basta cliccare su “Tutti i servivi – scrivere ISEE nel campo di ricerca Testo libero – cliccare sul Servizio desktop ISEE post riforma 2015”.

La simulazione del calcolo dell’indicatore della situazione economica avviene inserendo valori aggregati (cioè la somma dei redditi stimata). Ciò consente una compilazione più veloce ma è necessario essere quanto più possibile precisi nell’indicazione dei redditi in modo da rendere la simulazione veritiera.

E’ bene ricordare che questo servizio messo a disposizione dall’Inps è solo una simulazione e non sostituisce l’ISEE vero e proprio che deve contenere tutti i valori reali di redditi e patrimonio del cittadino.

L’ISEE 2011 (Indicatore della situazione economica equivalente) viene facilmente calcolato attraverso un programma sul sito dell’Inps.

Il parametro ISEE permette di avere diritto a prestazioni assistenziali o a tariffe agevolate in base al reddito della famiglia, come per esempio la pensione sociale, l’assegno sociale e altri servizi.

Dal 2011 è possibile presentare online (dai servizi online dell’Inps), la dichiarazione sostitutiva unica (DSU) per richiedere le prestazioni sociali agevolate.

Sul sito dell’Inps è presente un software che permette di calcolare l’ISEE.

Inps
Inps

 

Con l’approvazione del 18 novembre 2021 entra ufficialmente in vigore l’assegno unico previsto dalle legge delega n. 46 del 1 aprile.

Ma come funziona questo assegno unico per i figli che sostituisce tutti i bonus e le misure esistenti? Vediamo in dettaglio tutte le informazioni su incentivo “universale” per le famiglie italiane.

Intanto cosa sostituisce questo beneficio economico? Non esisteranno più il premio alla nascita, bonus bebè che saranno eliminati dal 1 gennaio 2022. Da marzo invece, con l’avvio dell’assegno unico, non ci saranno più le detrazioni fiscali per i figli a carico e gli assegni al nucleo familiare.

Questo sostegno alle famiglie sarà dato per ogni figlio a carico dal 7° mese di gravidanza fino ai 21 anni di età. Per richiederlo si deve avere la cittadinanza italiana o permesso di soggiorno di almeno 6 mesi.

La domanda si può fare dal 1 gennaio 2022 sul sito Inps o nei patronati con l’Isee in corso di validità. Per chi percepisce il reddito di cittadinanza il nuovo assegno sarà corrisposto con il contributo contro la povertà.

L’importo base per ciascun figlio è di 175 euro al mese, questo per Isee pari o inferiori a 15.000 euro. Per Isee superiori l’importo si riduce gradualmente fino ad un valore minimo di 50 euro (per Isee a 40.000 euro). Per chi la un reddito oltre i 40.000 euro o in assenza di Isee l’importo dell’assegno resta di 50 euro.

Sono previste delle maggiorazioni per le famiglie numerose (85 euro al mese per i figli successivi al secondo) e per figli con disabilità (da 85 a 105 euro mensili). Inoltre anche le madri under 21 avranno una maggiorazione ad hoc.

assegno unico figli
assegno unico figli

 

A partire dal 1 luglio 2021 tutte le famiglie fino ad oggi escluse dagli assegni per il nucleo familiare potranno accedere a questo assegno ponte che traghetterà tutte le famiglie italiane verso l’assegno unico universale del 2022.

L’assegno unico previsto per il secondo semestre del 2021 è destinato a:

  • lavoratori autonomi
  • disoccupati che hanno finito la NASpI
  • incapienti e inattivi
  • lavoratori dipendenti attualmente esclusi dagli assegni al nucleo per ragioni di reddito familiare
  • beneficiari del reddito di cittadinanza che non percepiscono l’assegno familiare

Il requisito di reddito per accedere a questa misura per le famiglie è di avere un Isee inferiore a 50mila euro annui. Da sottolineare che questa misura è compatibile con il Reddito di Cittadinanza.

Questo assegno unico ha un importo minimo di 30 euro a un massimo di 217,8 euro al mese per ciascun figlio.

Se nel nucleo sono presenti più di due figli, l’importo unitario per ciascun figlio minore viene maggiorato del 30%. Invece per ciascun figlio minore con disabilità gli importi sono maggiorati di 50 euro.

La domanda dovrà essere presentata entro il 31 dicembre 2021 e dal 1 luglio si potranno fare le domande online con una procedura telematica dedicata. In alternativa si può procedere con il Contact Center Inps o patronati.

maternità
maternità

 

Per il 2021 restano invariati, rispetto al 2020, gli importi dell’assegno di maternità dai comuni (circolare n. 36 del 24 febbraio 2021).

Quindi nell’ambito degli assegni familiari e indennità, dal 1 gennaio 2021 le somme dai comuni sono le seguenti:

  • l’assegno mensile per il nucleo familiare è pari a 145,14 euro per tredici mensilità (totale annuo 1.886,82 euro)
  • l’assegno mensile di maternità per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento, è pari a 348,12 euro per cinque mensilità (totale annuo 1.740,60 euro)

I requisiti a livello di reddito che non si devono superare per presentare la domanda nel 2021 sono di:

  • 8.788,99 euro per l’assegno nucleo familiare (cinque componenti, di cui almeno tre figli minori – valore ISEE)
  • 17.416,66 euro per l’assegno di maternità (tre componenti – valore ISEE)

Per chi volesse l’Inps ha pubblicato un simulatore ISEE online per il calcolo del reddito.

Per quanto riguarda invece l’assegno di maternità dello stato, l’importo 2021 è di 2143,05 euro.

 

[Aggiornamento del 14/12/2021] Dal 1 gennaio 2022 prende il via il nuovo assegno unico per i figli.

Bonus asilo nido
Bonus asilo nido

 

Da fine febbraio è disponibile sul sito Inps la procedura per la richiesta del Bonus asilo nido per il 2021.

Le domande di sostegno al reddito che le famiglie possono presentare, come previsto dalla legge 11 dicembre 2016 n. 232 (art. 1, comma 355), danno diritto ad un bonus per sostenere le spese di frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati. Oppure il contributo può essere utilizzato per il supporto, presso la propria abitazione, per le famiglie con bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

Gli importi del bonus che saranno erogati sono parametrati sulla base dell’ISEE minorenni.

La domanda, oltre che sul sito Inps, potrà essere effettuata anche attraverso i patronati e il termine ultimo di presentazione è il 31 dicembre 2021.

Per quanto riguarda la frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati, potranno essere rimborsati fino ad un massimo di 11 mesi erogati mensilmente. In caso si chieda il rimborso presso la propria abitazione, dovrà essere presentata una dichiarazione di un pediatra di libera scelta e il rimborso sarà una tantum.

Gli importi del rimborso del  Bonus asilo nido per il 2021 sono:

  • 3.000 euro annui per ISEE minorenni inferiore o uguale a 25.000 euro
  • 2.500 euro annui per ISEE minorenni maggiore di 25.000 euro e inferiore o uguale a 40.000
  • 1.500 euro annui per ISEE minorenni maggiore di 40.000 euro

Tutti i dettagli nel messaggio Inps n. 802 del 24 febbraio 2021.

Importi assegno di maternità 2016

Nel 2018 crescono del 1,1% gli importi dell’assegno di maternità dai comuni. La comunicazione è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 36 del 13 febbraio 2018.

Quindi dal 1 gennaio 2018 le somme dai comuni sono le seguenti:

  • l’assegno mensile per il nucleo familiare è pari a 142,85 euro per tredici mensilità (totale annuo 1.857,05 euro)
  • l’assegno mensile di maternità per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento, è pari a 342,62 euro per cinque mensilità (totale annuo 1.712,10 euro)

I requisiti a livello di reddito che non si devono superare per presentare la domanda nel 2018 sono di:

  • 8.650,1 euro per l’assegno nucleo familiare (cinque componenti, di cui almeno tre figli minori – valore ISEE)
  • 17.141,45 euro per l’assegno di maternità (tre componenti – valore ISEE)

Per chi volesse l’Inps ha pubblicato un simulatore ISEE online per il calcolo del reddito.

Per quanto riguarda invece l”assegno di maternità dello stato, per il 2017 è stato di 2.086,24 euro.

Sostegno reddito famiglie

Per il 2018 sono previsti diversi nuovi interventi per la famiglia e i figli che hanno l’obiettivo di sostenere il reddito dei nuclei familiari italiani.

Insieme alle novità, nella Legge di Bilancio 2018 sono stati confermati anche le misure già esistenti in passato. Vediamo in dettaglio i requisiti e gli importi degli incentivi per le famiglie.

Previsti dal 2018 (nuovi)

  • Bonus Bebè: per i figli nati o adottati dal 1 gennaio 2018 spetta un bonus di 80 euro al mese (960 euro annui) per le famiglie con un Isee non superiore ai 25mila euro annui (per i nuclei con Isee entro i 7mila euro il bonus è raddoppiato)
  • Fondo per i caregiver: viene istituito un fondo (20milioni di euro) per sostenere il ruolo di cura e di assistenza dei caregivers, cioè le persone che assistono il coniuge, familiare in caso di infermità o malattia
  • Detrazione delle spese per disturbi dell’apprendimento: viene applicato uno sconto Irpef al 19% per tutte le spese sostenute per minori e maggiorenni a cui sia stato diagnosticato il disturbo specifico dell’apprendimento (Dsa)
Previsti nel 2018 (già presenti in passato)
  • Bonus Asilo nido: anche nel 2018 si può richiedere per i bambini nati dal 1 gennaio 2016 in poi un buono di 1.000 euro (11 mensilità da 91 euro al mese) per pagare parte delle rette dell’asilo nido (pubblico o privato). Non si può utilizzare contemporaneamente con i voucher per l’asilo nido o baby sitter
  • Bonus Mamma domani: ancora previsto il premio di 800 euro per i bambini nati o adottati nel 2018. La somma è corrisposta a prescindere dal reddito e la domanda può essere fatta dalle future mamme a partire dall’ottavo mese
  • Voucher Baby sitter: viene proposto al posto del congedo parentale questo voucher di 100 euro al mese per pagare i servizi di baby sitting o l’asilo nido. La somma massima è di 600 euro se si rinuncia a tutti i sei mesi di congedo previsti per legge
  • Congedo parentale del padre: si alzano da due a quattro i giorni di congedo parentale obbligatorio per i papà che possono essere utilizzati anche durante l’astensione obbligatoria della madre
  • Fondo natalità: confermati i finanziamenti per l’accesso al credito delle famiglie con figli nati o adottati dal 1 gennaio 2017
Reddito di inclusione

Proviamo a capire più dettaglio come funziona e quali sono i requisiti del Reddito di inclusione (REI) che per la prima volta arriverà nei portafogli degli italiani il 27 gennaio 2018.

L’obietto di questo sostegno al reddito è l’uscita dalla condizione di povertà assoluta in cui si trovano oltre un milione e mezzo di famiglie in Italia.

Quali sono i requisiti?
Possono richiederlo i cittadini italiani, stranieri dell’Unione Europea o extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno di lunga durata (dopo 5 anni di residenza).

L’Isee non deve superare i 6.000 euro (indicatore di reddito Isre di 3.000 euro), con un patrimonio immobiliare, togliendo l’abitazione di residenza, non superiore a 20.000 euro e un valore mobiliare (conto correnti, ecc.) non superiore a 10.000 euro (8.000 euro per la coppia, 6.000 per i singoli). Nel caso si possieda automobili o motocicli, questi non devono essere stati immatricolati da meno di 2 anni.

Non si può percepire il Reddito di inclusione se si è in disoccupazione (indennità Naspi) o altre forme di ammortizzatori sociali.

A quanto ammonta il REI?
L’importo è variabile, dipende dal reddito, numero di componenti del nucleo familiare e luogo di residenza. Il contributo economico può variare dai 187 euro per persona singola fino ai 485 euro per nucleo familiare di 5 o più componenti (valori da moltiplicare per dodici mensilità).

La somma spettante sarà erogata con una carta di pagamento con la quale fare acquisti tramite Pos in supermercati, farmacie, negozi alimentari con un 5% di sconto nei negozi convenzionati. E’ inoltre possibile prelevare fino ad un massimo di metà dell’importo dei REI mensile.

Cosa prevede il Reddito di inclusione?
Oltre all’elemento economico, il REI attiva anche una serie di servizi sul territorio per l’inserimento al lavoro o il soddisfacimento delle necessità socio-sanitarie delle famiglie che hanno avuto accesso a questo sostegno.

Questa seconda parte, che va ad integrare il sostegno puramente economico, è chiamato “Progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa” che prende il via entro 25 giorni dalla presentazione della domanda.

Come fare la domanda?
Si può fare la domanda a partire dal 1 dicembre 2017 in Comune. Questo dovrà poi rispondere entro 15 giorni e trasmettere la domanda all’Inps che in altri 5 giorni deve verificare gli altri requisiti. Quindi un totale di 20 giorni per avere il responso della domanda, in caso positivo le Poste invieranno la carta di pagamento e successivamente il Pin per l’utilizzo.

Quando dura il REI?
La durata massima del Reddito di inclusione è di 18 mesi. Una volta terminato dovranno passare almeno 6 mesi per richiederlo di nuovo. Da ricordare che per il 2018, nel caso di presentazione della domanda tra il 1 e il 31 dicembre 2017, si deve ripresentare l’Isee aggiornato entro marzo 2018.

[Aggiornamento del 07/06/2018] E’ stata pubblicata la domanda per il Reddito di inclusione da fare dal 1 giugno 2018, data in cui sono stati eliminati i requisiti familiari.

Importi assegno di maternità 2016

Anche nel 2017 gli importi dell’assegno di maternità dai comuni e l’assegno per il nucleo familiare restano gli stessi dell’anno precedente. La comunicazione è arrivata con la circolare n. 55 dell’Inps dell’8 marzo 2017.

Quindi dal 1 gennaio 2017 le somme dai comuni sono le seguenti:

  • l’assegno mensile per il nucleo familiare è pari a 141,30 euro
  • l’assegno mensile di maternità per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento, è pari a 338,89 euro per cinque mensilità (totale 1.694,45 euro)

I requisiti a livello di  reddito che non si devono superare per presentare la domanda nel 2017 sono di:

  • 8.555,99 euro per l’assegno nucleo familiare (cinque componenti, di cui almeno tre figli minori – valore ISEE)
  • 16.954,95 euro per l’assegno di maternità (tre componenti – valore ISEE)

Ancora non abbiamo aggiornamento sull”assegno di maternità dello stato che per il 2017 è di 2.086,24 euro (stesso importo dell’anno precedente).

[Aggiornamento del 19/02/2018] Sono stati pubblicati gli importi 2018 dell’assegno di maternità.


[Aggiornamento del 11/09/2017] Ecco come calcolare facilmente il valore ISEE con il simulatore Inps online.