Contratto Lavoro

Minimi retributivi colf e badanti 2017

Sono stati sottoscritti il 17 gennaio i nuovi minimi retributivi attivi dal 1 gennaio 2018 per il contratto Colf e Badanti per il lavoro domestico.

Dopo gli aumenti previsti dal rinnovo 2013-2016 del CCNL, le associazioni datoriali Fidaldo e Domina, insieme con i sindacati Federcolf, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno firmato per gli incrementi attivi dal 2018.

Minimi retributivi 2018 per i lavoratori conviventi

  • livello A: 629,15 euro
  • livello AS: 743,55 euro
  • livello B: 800,74 euro (571,96 euro se part time)
  • livello BS: 857,94 euro (600,56 euro se part time)
  • livello C: 915,15 euro (663,46 euro se part time)
  • livello CS: 972,33 euro
  • livello D: 1.143,91 euro + indennità 169,15 euro
  • livello DS: 1.201,11 euro + indennità 169,15 euro

Retribuzione minima 2018 per i lavoratori non conviventi (valori orari)

  • livello A: 4,57 euro
  • livello AS: 5,39 euro
  • livello B: 5,72 euro
  • livello BS: 6,06 euro
  • livello C: 6,40 euro
  • livello CS: 6,74 euro
  • livello D: 7,78 euro
  • livello DS: 8,12 euro

Minimi retributivi 2018 per i lavoratori che offrono assistenza notturna

  • livello unico: 660,61 euro – presenza notturna
  • livello BS: 986,62 euro – autosufficienti
  • livello CS: 1.118,18 euro – non autosufficienti
  • livello DS: 1.381,30 euro – non autosufficienti

Valori giornalieri delle indennità per il 2018 

  • pranzo e/o colazione 1,93 euro
  • cena 1,93 euro
  • alloggio 1,67 euro
    • totale 5,53 euro (totale per 26 giorni lavorativi: 143,78 euro)

Retribuzione minima 2018 per l’assistenza a persone non autosufficienti con copertura limitata ai giorni di riposo dei lavoratori titolari  (valori orari)
  • livello CS: 7,26 euro
  • livello DS: 8,75 euro
Aumenti CCNL turismo 2017

Dal 1 gennaio 2018 scatta la terza e ultima tranche di aumenti previsti dalla proroga del rinnovo del CCNL del Turismo.

L’attuale contratto vigente è quello stipulato il 18 gennaio 2014, che è stato prorogato con l’accordo del 9 febbraio di quest’anno, fino al 31 dicembre 2018. Va ricordato che solo Federalberghi e Faita hanno sottoscritto il rinnovo.

Per i lavoratori assunti entro il 13 novembre 2016 restano validi i minimi retributivi del 2016. Per tutti gli altri, in base ai livelli, le nuove retribuzioni si trovano sotto.

Minimi retributivi dal 1 gennaio 2018 (per i lavoratori assunti dal 14 novembre 2017)

  • livello A – 2.210,16 euro
  • livello B – 2.046,20 euro
  • livello 1 – 1.906,44 euro
  • livello 2 – 1.742,47 euro
  • livello 3 – 1.643,37 euro
  • livello 4 – 1.550,69 euro
  • livello 5 – 1.454,28 euro
  • livello 6s – 1.398,37 euro
  • livello 6 – 1.378,55 euro
  • livello 7 – 1.291,81 euro

Minimi tabellari mensili lordi dal 1 gennaio 2018 per il personale di alberghi a una o due stelle e dei campeggi con numero di presenza inferiore a milleduecento (non si applicano alle qualifiche di cuoco, cameriere e barista con 5 livello)
  • livello A – 2.196,97 euro
  • livello B – 2.034,21 euro
  • livello 1 – 1.894,45
    euro
  • livello 2 – 1.732,29 euro
  • livello 3 – 1.634,37 euro
  • livello 4 – 1.542,89 euro
  • livello 5 – 1.447,07 euro
  • livello 6s – 1.391,76 euro
  • livello 6 – 1.371,95 euro
  • livello 7 – 1.285,81 euro
Aumenti Contratto Chimico Farmaceutico

Dal 1 gennaio 2018 scatta la seconda tranche di aumenti previsti dal rinnovo 2016-2018 del CCNL Chimico Farmaceutico.

Gli aumenti salariali sono diversi in base ai livelli e ai vari settori dell’industria. Da ricordare che questi aumenti seguono l’accordo del 27 giugno 2017 in cui è stato previsto un adeguamento al ribasso dei minimi retributivi (-22 euro lordi medi) visto lo scostamento dell’inflazione di -1,0 %.

Minimi retributivi dal 1 gennaio 2018 – Settore Chimico Farmaceutico Industria

  • Livello A1 – 2.864,48 euro
  • Livello A2 – 2.674,59 euro
  • Livello A3 – 2.622,22 euro
  • Livello B1 – 2.411,98 euro
  • Livello B2 – 2.336,61 euro
  • Livello C1 – 2.112,65 euro
  • Livello C2 – 2.044,86 euro
  • Livello D1 – 1.975,26 euro
  • Livello D2 – 1.891,77 euro
  • Livello D3 – 1.847,76 euro
  • Livello E1 – 1.760,28 euro
  • Livello E2 – 1.684,14 euro
  • Livello E3 – 1.630,29 euro
  • Livello E4 – 1.590,04 euro
  • Livello F – 1.519,43 euro


Minimi retributivi dal 1 gennaio 2018 – Settore Fibre

  • Livello A1 – 2.638,48 euro
  • Livello A2 – 2.428,59 euro
  • Livello A3 – 2.364,22 euro
  • Livello B1 – 2.271,98 euro
  • Livello B2 – 2.158,61 euro
  • Livello C1 – 2.061,65 euro
  • Livello C2 – 2.002,86 euro
  • Livello D1 – 1.938,26 euro
  • Livello D2 – 1.823,77 euro
  • Livello D3 – 1.786,76 euro
  • Livello E1 – 1.728,28 euro
  • Livello E2 – 1.631,14 euro
  • Livello E3 – 1.91,29 euro
  • Livello E4 – 1.559,04 euro
  • Livello F – 1.500,46 euro

Minimi retributivi dal 1 gennaio 2018 – Settore Abrasivi

  • Livello A1 – 2.612,98 euro
  • Livello B1 – 2.205,42 euro
  • Livello B2 – 2.069,43 euro
  • Livello C1 – 1.913,55 euro
  • Livello C2 – 1.870,51 euro
  • Livello C3 – 1.820,97 euro
  • Livello D1 – 1.778,5 euro
  • Livello D2 – 1.664,47 euro

Minimi retributivi dal 1 gennaio 2018 – Settore Lubrificanti GPL

  • Livello Q1 – 2.952,00 euro
  • Livello Q2 – 2.684,00 euro
  • Livello A – 2.573,00 euro
  • Livello B – 2.386,00 euro
  • Livello C – 2.173,00 euro
  • Livello D – 2.038,00 euro
  • Livello E – 1.894,00 euro
  • Livello F – 1.769,00 euro
  • Livello G – 1.735,00  euro
  • Livello H – 1.633,00 euro
  • Livello I – 1.501,00 euro
[Aggiornamento del 26/09/2018] E’ stata siglata l’ipotesi di rinnovo 2019-2022 del CCNL.
Aumenti del Contratto Industria Turistica

Dal 1 gennaio 2018 scatta la terza e ultima tranche di aumenti retributivi previsti dal rinnovo del CCNL dell’Industria Turistica 2013-2018.

Con il nuovo contratto non arrivano solo gli aumenti per tutti i livelli ma c’è stato un accordo sulla paga base nazionale che ora è stata conglobata.

Minimi retributivi dal 1 gennaio 2018 – Alberghi e altri settori

  • Livello A1 – 2.216,16 euro
  • Livello A2 – 2.052,20 euro
  • Livello B1 – 1.912,45 euro
  • Livello B2 – 1.748,47 euro
  • Livello C1 – 1.649,36 euro
  • Livello C2 – 1.556,59 euro
  • Livello C3 – 1.460,28 euro
  • Livello D1 – 1.404,36 euro
  • Livello D2 – 1.297,82 euro

Minimi retributivi dal 1 gennaio 2018Imprese di viaggio, turismo e congressi (con questa tranche di aumenti, a differenza del passato, le retribuzioni dei due comparti diventano le stesse)
  • Livello A1 – 2.216,16 euro
  • Livello A2 – 2.052,20 euro
  • Livello B1 – 1.912,45 euro
  • Livello B2 – 1.748,47 euro
  • Livello C1 – 1.649,36 euro
  • Livello C2 – 1.556,59 euro
  • Livello C3 – 1.460,28 euro
  • Livello D1 – 1.404,36 euro
  • Livello D2 – 1.297,82 euro
I dipendenti di alberghi di 1 o 2 stelle, di pensioni o locande, possono visionare i minimi retributivi per ogni livello alla pagina 18 del CCNL.
Aumenti Gomma Plastica 2017

Dal 1 gennaio 2018 scatta la seconda di aumenti retributivi per il rinnovo 2016-2018 del Contratto Gomma Plastica.

Di seguito si trovano gli aumenti e i minimi retributivi per tutti i livelli del CCNL.

Aumenti lordi dal 1 gennaio 2018

  • livello I – 20,27 euro
  • livello H – 24,52 euro
  • livello G – 26,75 euro
  • livello F – 30,00 euro
  • livello E – 30,40 euro
  • livello D – 31,21 euro
  • livello C – 31,82 euro
  • livello B – 32,63 euro
  • livello A – 33,64 euro
  • livello Q – 35,47 euro

Minimi retributivi dal 1 gennaio 2018
  • livello I – 1.383,46 euro
  • livello H – 1.537,80 euro
  • livello G – 1.612,04 euro
  • livello F – 1.729,18 euro
  • livello E – 1.775,33 euro
  • livello D – 1.850,26 euro
  • livello C – 1.873,69 euro
  • livello B – 1.898,40 euro
  • livello A – 2.012,81 euro
  • livello Q – 2.137,88 euro
[Aggiornamento del 17/10/2018] Sono stati pubblicati gli aumenti del rinnovo dal 1 ottobre 2018.


[Aggiornamento del 23/05/2018] E’ stato sottoscritto il nuovo accordo per il CCNL Gomma Plastica che prevede il prolungamento del rinnovo e la rimodulazione degli aumenti retributivi.
Aumenti Unionmeccanica Confapi PMI

Dal 1 novembre 2017 scatta la prima tranche di aumenti prevista dal rinnovo 2017-2020 del CCNL Unionmeccanica Confapi PMI.

Questa prima tranche prevede degli incrementi retributivi bassi per tutti i livelli, in attesa di metà 2018 quanto questi saranno determinati dell’indice dei prezzi al consumo Istat (IPCA).

Aumenti retributivi mensili lordi dal 1 novembre 2017

  • 1° livello: 1,31 euro
  • 2° livello: 1,45 euro
  • 3° livello: 1,60 euro
  • 4° livello: 1,67 euro
  • 5° livello: 1,79 euro
  • 6° livello: 1,92 euro
  • 7° livello: 2,06 euro
  • 8° livello: 2,24 euro
  • 9° livello: 2,49 euro


Minimi tabellari mensili lordi dal 1 novembre 2017

  • 1° livello: 1.309,74 euro
  • 2° livello: 1.446,45 euro
  • 3° livello: 1.604,89 euro
  • 4° livello: 1674,46 euro
  • 5° livello: 1.793,68 euro
  • 6° livello: 1.923,15 euro
  • 7° livello: 2.063,22 euro
  • 8° livello: 2.243,72 euro
  • 9° livello: 2.495,24 euro
[Aggiornamento del 14/06/2018] Sono stati pubblicati i nuovi aumenti dal 1 giugno 2018.
Contratto Bancari aumenti retributivi

Dal 1 ottobre 2017 scatta la seconda tranche di aumenti degli stipendi per tutti i dipendenti del Contratto Bancari.

Sotto si trovano i nuovi minimi tabellari e gli aumenti retributivi per ogni livello del CCNL.

Aumenti retributivi mensili lordi dal 1 ottobre 2017

  • Quadri
    • 4° livello: 47,70 euro
    • 3° livello: 40,49 euro
    • 2° livello: 36,14 euro
    • 1° livello: 34,04 euro
  • 3 Area Professionale
    • 4° livello: 30 euro
    • 3° livello: 27,83 euro
    • 2° livello: 26,29 euro
    • 1° livello: 24,94 euro
  • 2 Area Professionale
    • 3° livello: 23,45 euro
    • 2° livello: 22,55 euro
    • 1° livello: 21,94 euro
  • Livello unico + g.nott.: 20,98 euro
  • Livello unico: 20,44 euro

Minimi tabellari mensili lordi dal 1 ottobre 2017

  • Quadri
    • 4° livello: 4.272,56 euro
    • 3° livello: 3.626,69 euro
    • 2° livello: 3.236,67 euro
    • 1° livello: 3.049,00 euro
  • 3 Area Professionale
    • 4° livello: 2.686,90 euro
    • 3° livello: 2.492,45 euro
    • 2° livello: 2.354,74 euro
    • 1° livello: 2.234,11 euro
  • 2 Area Professionale
    • 3° livello: 2.100,32 euro
    • 2° livello: 2.019,92 euro
    • 1° livello: 1.965,34 euro
  • Livello unico + g.nott.: 1.878,98 euro
  • Livello unico: 1.830,38 euro
[Aggiornamento del 07/11/2018] Sono stati pubblicati i nuovi incrementi retributivi del rinnovo dal 1 ottobre 2018.
Aumento sospeso Commercio

Dopo tanta attesa è stato finalmente trovato un accordo tra Confcommercio e i sindacati sull’erogazione della tranche di aumenti previsti dal Contratto del Commercio e sospesa a novembre 2016.

La data condivisa per l’arrivo di questo aumento retributivo è marzo 2018. Parliamo quindi di quasi un anno e mezzo di attesa per avere in busta paga un incremento medio di 16 euro lordi (per un IV livello).

Le motivazioni della sospensione le conosciamo tutti: la congiuntura economica negativa che aveva di fatto reso praticamente nullo il tasso di inflazione.

L’accordo siglato il 29 settembre 2017 porta anche un’altra novità nell’attuale rinnovo del CCNL del Commercio, il prolungamento della sua durata. Infatti la scadenza dal 31 dicembre 2017 è stata prorogata fino al 31 luglio 2018.

Un ultimo elemento dell’accordo prevede una clausola di salvaguardia che mira a limitare i fenomeni di dumping retributivo e sfruttamento dei lavoratori.

Per chi fosse interessato sul blog può leggere il nuovo accordo integrativo del settore del Terziario e vedere gli aumenti sospesi a novembre 2016.

Gli aumenti retributivi dal 1 ottobre 2016 per il CCNL Industria Alimentare

Dal 1 ottobre 2017 scatta la terza tranche di aumenti previsti nel testo del rinnovo 2016-2019 del CCNL Industria Alimentare.

Di seguito l’elenco di aumenti e retribuzioni lorde per i vari livelli del contratto.

Aumenti lordi dal 1 ottobre 2017

  • 1 livello super – 33,58 euro
  • 1 livello – 29,20 euro
  • 2 livello – 24,09 euro
  • 3A livello – 21,17 euro
  • 3 livello – 18,98 euro
  • 4 livello – 17,52 euro
  • 5 livello – 16,06 euro
  • 6 livello – 14,60 euro


Minimi retributivi lordi dal 1 ottobre 2017

  • 1 livello super – 2.252,09 euro
  • 1 livello – 1.958,32 euro
  • 2 livello – 1.614,64 euro
  • 3A livello – 1.419,80 euro
  • 3 livello – 1.272,94 euro
  • 4 livello – 1.175,01 euro
  • 5 livello – 1.077,10 euro
  • 6 livello – 979,20 euro
Aumenti CCNL turismo 2017

Dal 1 agosto 2017 scatta la seconda tranche di aumenti previsti dalla proroga del rinnovo del CCNL del Turismo.

L’attuale contratto vigente è quello stipulato il 18 gennaio 2014, che è stato prorogato con l’accordo del 9 febbraio di quest’anno, fino al 31 dicembre 2018. Va ricordato che solo Federalberghi e Faita hanno sottoscritto il rinnovo.

Per i lavoratori assunti entro il 13 novembre 2016 restano validi i minimi retributivi del 2016. Per tutti gli altri, in base ai livelli, le nuove retribuzioni si trovano sotto.

Minimi retributivi dal 1 agosto 2017 (per i lavoratori assunti dal 14 novembre 2017)

  • livello A – 2.199,06 euro
  • livello B – 2.036,37 euro
  • livello 1 – 1.897,70 euro
  • livello 2 – 1.734,99 euro
  • livello 3 – 1.636,64 euro
  • livello 4 – 1.544,59 euro
  • livello 5 – 1.449,03 euro
  • livello 6s – 1.393,54 euro
  • livello 6 – 1.367,55 euro
  • livello 7 – 1.287,82 euro

Minimi tabellari mensili lordi dal 1 agosto 2017 per il personale di alberghi a una o due stelle e dei campeggi con numero di presenza inferiore a milleduecento (non si applicano alle qualifiche di cuoco, cameriere e barista con 5 livello)
  • livello A – 2.186,12 euro
  • livello B – 2.024,60 euro
  • livello 1 – 1.885,93 euro
  • livello 2 – 1.725,00 euro
  • livello 3 – 1.627,81 euro
  • livello 4 – 1.536,94 euro
  • livello 5 – 1.441,95 euro
  • livello 6s – 1.387,05 euro
  • livello 6 – 1.361,32 euro
  • livello 7 – 1.281,94 euro
[Aggiornamento del 18/01/2018] Dal 1 gennaio 2018 scatta la terza tranche di aumenti prevista dal rinnovo.