Contratto Lavoro

Aumenti Unionmeccanica Confapi PMI

Dal 1 giugno 2018 scatta la seconda tranche di aumenti prevista dal rinnovo 2017-2020 del CCNL Unionmeccanica Confapi PMI.

Per questa seconda tranche gli incrementi retributivi sono stati determinati dell’indice dei prezzi al consumo Istat (IPCA).

Aumenti retributivi mensili lordi dal 1 giugno 2018

  • 1° livello: 11,7876 euro
  • 2° livello: 13,0180 euro
  • 3° livello: 14,4440 euro
  • 4° livello: 15,0702 euro
  • 5° livello: 16,1431 euro
  • 6° livello: 17,3084 euro
  • 7° livello: 18,5690 euro
  • 8° livello: 20,1935 euro
  • 9° livello: 22,4572 euro


Minimi tabellari mensili lordi dal 1 giugno 2018

  • 1° livello: 1.321,53 euro
  • 2° livello: 1.459,47 euro
  • 3° livello: 1.619,33 euro
  • 4° livello: 1689,53 euro
  • 5° livello: 1.809,82 euro
  • 6° livello: 1.940,46 euro
  • 7° livello: 2.081,79 euro
  • 8° livello: 2.263,91 euro
  • 9° livello: 2.517,70 euro
Scarica il testo dell’accordo del 5 giugno 2018 con l’adeguamento dei minimi contrattuali.
Aumenti Unionmeccanica Confapi PMI

Dal 1 novembre 2017 scatta la prima tranche di aumenti prevista dal rinnovo 2017-2020 del CCNL Unionmeccanica Confapi PMI.

Questa prima tranche prevede degli incrementi retributivi bassi per tutti i livelli, in attesa di metà 2018 quanto questi saranno determinati dell’indice dei prezzi al consumo Istat (IPCA).

Aumenti retributivi mensili lordi dal 1 novembre 2017

  • 1° livello: 1,31 euro
  • 2° livello: 1,45 euro
  • 3° livello: 1,60 euro
  • 4° livello: 1,67 euro
  • 5° livello: 1,79 euro
  • 6° livello: 1,92 euro
  • 7° livello: 2,06 euro
  • 8° livello: 2,24 euro
  • 9° livello: 2,49 euro


Minimi tabellari mensili lordi dal 1 novembre 2017

  • 1° livello: 1.309,74 euro
  • 2° livello: 1.446,45 euro
  • 3° livello: 1.604,89 euro
  • 4° livello: 1674,46 euro
  • 5° livello: 1.793,68 euro
  • 6° livello: 1.923,15 euro
  • 7° livello: 2.063,22 euro
  • 8° livello: 2.243,72 euro
  • 9° livello: 2.495,24 euro
[Aggiornamento del 14/06/2018] Sono stati pubblicati i nuovi aumenti dal 1 giugno 2018.
unionmeccanica
Contratto Unionmeccanica Confapi PMI

Il 3 luglio 2017 è stato rinnovato per le piccole e medie imprese metalmeccaniche che fanno parte di Unionmeccanica Confapi il CCNL per il quadriennio 2017-2020.

L’accordo è stato raggiunto tra la Confederazione italiana della piccola e media industria privata (Confapi) e i sindacati Fiom-Cgil, Fim-Cisl, Uil-Uilm ed è valido per oltre 300mila lavoratori fino al 31 ottobre 2020.

Vediamo in dettaglio le novità del rinnovo Unionmeccanica Confapi:

  • Aumento dei minimi retributivi: sono previsti differenti tranche di aumenti:
    • 1 novembre 2017
    • 1 giugno 2018 (determinati in base all’indice dei prezzi al consumo Istat IPCA)
    • 1 giugno 2019: saranno determinati in base all’indice dei prezzi al consumo Istat IPCA
    • 1 giugno 2020: saranno determinati in base all’indice dei prezzi al consumo Istat IPCA
  • Una tantum: con la retribuzione di ottobre 2017 viene erogata un importo di una tantum di 80 euro lordi
  • Welfare: con il rinnovo del contratto è previsto anche un importo annuo per i flexible benefits legati al walfare contrattuale:
    • 150 euro dal 1 marzo 2018
    • 150 euro dal 1 gennaio 2019
    • 150 euro dal 1 gennaio 2020
  • Previdenza complementare: a fronte di un versamento da parte del dipendente di un minimo del 1,2%, l’azienda verserà al fondo Fondapi l’1,8%. La contribuzione delle imprese aumenterà fino al 2% dal 1 gennaio 2020
  • Assistenza sanitaria: tutte le aziende con accordi con l’Ente Bilaterale Metalmeccanici verseranno a partire dal 1 gennaio 2018 un contributo di 60 euro all’anno per l’assistenza sanitaria integrativa
  • Formazione: dal 1 novembre 2017 sono previste 24 ore triennali di formazione aziendale
 
 
[Aggiornamento del 26/05/2021]: è stato firmato il rinnovo 2021-2024 del CCNL Unionmeccanica Confapi PMI.