Contratto Lavoro

assegno unico figli
Domanda congedo parentale padre

In Italia siamo ancora indietro sul riconoscimento sul congedo parentale del padre e più in generale sul tempo che i papà passano con i figli.

Fortunatamente negli ultimi anni le cose sono cambiate. Si è passati da 1 giorni di congedo obbligatorio nel 2013 ai 2 giorni del 2016 e 2017. Dal 1 gennaio 2018 il padre ha diritto all’astensione dal lavoro per 4 giorni che possono essere utilizzati anche in modo non continuativo e devono essere utilizzati entro il quinto mese di vita del bambino.

Come in passato l’indennità giornaliera è pari al 100% della retribuzione ed è a carico dell’Inps (compresa la contribuzione figurativa).

Tutte queste novità sono contenute nella Legge di Bilancio 2017 (legge n. 232/2016) che ha prorogato fino al 31 dicembre 2018 la misura a sostegno della genitorialità.

Ma in molti, sia padri che madri, ci chiedono come fare per la domanda di congedo obbligatorio del padre. Per prima cosa è bene sapere che deve essere presentata al datore di lavoro con almeno 15 giorni di anticipo. Sotto riportiamo un facsimile della richiesta:

Oggetto: Richiesta congedo obbligatorio ai sensi dell’articolo. 4, comma 24, lett. a) della legge 28 giugno 2012, n. 92.


Il sottoscritto _________ nato a ______ il _______ Codice Fiscale _______________ assunto in data _______ con CCNL ________, livello _______, matricola ________;

premesso

che in data ________ è avvenuta (avverrà) la nascita (adozione) di mio figlio ____________;

chiede

di poter usufruire di ___ giorni di congedo paternità obbligatorio previsto dalla norma in oggetto per il seguente periodo ________.
Distinti saluti.
Luogo e data _______ Firma ___________

Congedo paternità

Nonostante si continui a parlare molto della parità tra sessi, quando si fanno figli la parola d’ordine in Italia resta “maternità”. Per questo nel 2017 i giorni di congedo parentale del padre scendono da quattro a due.

L’Inps con il messaggio n. 828 ha comunicato:

  • che vengono confermati i due giorni di congedo obbligatorio per i padri lavoratori
  • che gli ulteriori due giorni di congedo facoltativo non sono stati prorogati per il 2017. Per questi ulteriori due giorni si potrà fare la richiesta solo per le nascite avvenute nel 2016 e potranno essere utilizzati entro cinque mesi dalla nascita del figlio.

Il motivo ufficiale della mancata conferma ancora non è stato reso noto ma a nostro avviso la ragione è duplice: da una parte c’è una questione di soldi, dall’altra i numeri bassi dei padri che hanno fatto la richiesta per i due giorni aggiuntivi di congedo facoltativo (che ricordiamo vanno poi scalati da quelli della madre). Quindi se da una parte lo Stato non aiuta, l’altra faccia dell’Italia resta sempre quella che i figli sono prerogativa della madre.

Ma se per il 2017 si tolgono due giorni di congedo facoltativo di paternità, per il 2018 si raddoppiano quelli obbligatori. Secondo quanto riportato nel Programma Nazionale di Riforma per il prossimo anno si avranno fino a quattro giorni di congedo obbligatorio del padre che, da una nota presente nel programma, possono essere elevati a cinque in sostituzione dell’astensione obbligatoria della madre.

Naturalmente questi sono numeri trascurabili rispetto ai 15 giorni di congedo obbligatorio proposti a fine 2015 dall’allora governo in carica che aveva anche portato esempi virtuosi di altri stati dell’Unione Europea.

[Aggiornamento del 05/02/2018] Ecco come fare la domanda per il congedo parentale del padre.

Congedo parentale

Finalmente arriva un corposo incremento del congedo obbligatorio del padre che da 2 passa a 5 giorni.

Per ora l’emendamento alla legge di Bilancio che incrementa i giorni di congedo ha ottenuto l’approvazione dalla commissione Lavoro della Camera ed è in attesa della commissione Bilancio. I papà potranno quindi stare a casa in caso di nascita di un figlio più del doppio dei giorni previsti oggi, sempre pagati al 100%.

Questa apertura, sostenuta anche dal presidente dell’Inps, è molto importante anche nell’ottica di portare i giorni di congedo parentale del padre a 15 giorni, come già proposto come emendamento alla Legge di Stabilità 2016.

Infatti proprio per questo emendamento, non approvato per ora, sono iniziate le discussioni sul tema: in Italia i giorni di congedo obbligatorio dei padri sono i più bassi d’Europa.

Questa novità dovrebbe arrivare all’approvazione della Camera entro fine anno.

[Aggiornamento del 10/01/2023] Ecco tutto quello che c’è da sapere per il congedo obbligatorio di paternità.

[Aggiornamento del 05/02/2018] Ecco come fare la domanda per il congedo parentale del padre.

[Aggiornamento del 19/04/2017] La proposta dei 15 giorni non è passata, causa anche la caduta del Governo. Per il 2017 vengono anche tolti i due giorni di congedo facoltativo del padre.

Come funziona il congedo del padre per la paternità

La Riforma del Lavoro ho introdotto una novità importante nell’ambito della paternità, cioè il congedo parentale obbligatorio e facoltativo in caso di nascita figlio e il voucher maternità che contiene le agevolazioni per le madri lavoratrici.

A partire dalle nascite avvenute dal 1 gennaio 2013, i padri possono richiedere la fruizione di 1 giorno di congedo obbligatorio e 2 giorni di congedo facoltativo. Il congedo obbligatorio potrà essere fruito da papà anche durante il congedo della madre lavoratrice.

Invece per usufruire dei 2 giorni di congedo parentale facoltativo, la madre anticipare il rientro dal congedo post partum pari al numero di giorni fruiti dal padre (1 o 2). Nonostante questo però, il congedo facoltativo potrà essere fruito contemporaneamente all’astensione obbligatoria della madre.

Il padre dovrà utilizzare i giorni di congedo obbligatorio o facoltativo entro il 5° mese di vita del figlio. Per tutti i giorni di congedo, il padre ha diritto al 100% della propria retribuzione a carico dell’Inps.

La richiesta del congedo parentale del padre deve avvenire in forma scritta all’azienda almeno 15 giorni prima della fruizione. Nel caso di congedo facoltativo, il padre deve allegare una nota scritta della madre che dichiara di non usufruire del congedo di maternità per un numero di giorni pari al congedo facoltativo del padre.

Tra le novità da segnalare per la tutela della paternità, c’è la sentenza del Consiglio di Stato (n. 4618 del 10/09/2014) che ha stabilito che in caso di madre casalinga, il padre abbia diritto ai permessi per allattamento.

 

[Aggiornamento del 10/01/2023] Ecco tutto quello che c’è da sapere per il congedo obbligatorio di paternità.

[Aggiornamento del 01/02/2018] E’ stata pubblicata una breve guida degli interventi di sostegno al reddito delle famiglie.

[Aggiornamento del 11/01/2018] Per il 2018 i giorni di congedo obbligatorio dei padri passa da 2 a 4 giorni. Questi possono anche essere utilizzati in modo non continuativo.

[Aggiornamento del 19/04/2017] Per il 2017 l’Inps ha comunicato che sono stati tolti i due giorni di congedo facoltativo del padre.

[Aggiornamento del 14/11/2016] Arriva l’emendamento che porta da 2 a 5 i giorni di congedo obbligatorio del padre.

[Aggiornamento del 07/01/2016] Con la nuova legge di Stabilità dal 1 gennaio 2016 i padri devono, entro cinque mesi dalla nascita del figlio, prendere due giorni anche non continuativi di congedo obbligatorio indennizzati dall’Inps al 100% della retribuzione.
Altri due giorni, sempre per i padri, potranno essere chiesti ma in questo caso sono facoltativi e quindi verranno tolti da quelli che spettano alla madre.

[Aggiornamento del 09/11/2015] In discussione nella Legge di Stabilità 2016 c’è un’importante norma che prevede l’estensione a 15 giorni di congedo obbligatorio per i padri.

[Aggiornamento del 02/03/2015] Con l’attuazione delle nuove disposizioni sulla maternità nel Jobs Act le norme su congedo obbligatorio e facoltativo sono ora più flessibili e prevedono anche un allungamento dei tempi di fruizione.

Proposta di 15 giorni di congedo di paternità obbligatorio

I padri finalmente potranno godersi i primi giorni di vita dei figli senza prendere ferie, utilizzando ben 15 giorni di congedo obbligatorio di paternità contemporaneamente alla madre.

Questa è la proposta presentata come emendamento alla Legge di Stabilità 2016 e che vuole favorire la parità tra uomini e donne, non solo in azienda ma anche tra le mura domestiche.

I 15 giorni di congedo del padre proposti da Valeria Fedeli (vice presidente del Senato) e da Titti Di Salvo (vice presidente della Camera) sono pagati all’80% della retribuzione come per le madri e devono essere fruiti nel primo mese di vita del bambino.

Per ora l’emendamento ha avuto il sostegno di molti esponenti di tutte le forze politiche oltre che del presiedente dell’Inps Tito Boeri e del Ministro del Lavoro Giuliano Poletti.

Rispetto ad altri paesi europei, l’Italia è fanalino di coda per quando riguarda il congedo parentale del padre, non solo per la sua durata ma anche per il suo effettivo utilizzo nei primi anni di vita del bambino:

  • Italia: ad oggi è previsto 1 solo giorno di congedo obbligatorio al 100% della retribuzione introdotto dalla Riforma del Lavoro della Fornero (provvedimento che scade a fine 2015)
  • Svezia: 2 settimane di congedo facoltativo all’80% della retribuzione
  • Francia: 2 settimane di congedo facoltativo al 100% della retribuzione
  • Spagna: 1 giorno obbligatorio e 4 settimane facoltative al 100% della retribuzione
  • Regno Unito: 2 settimane di congedo facoltativo al 90% della retribuzione

Quelli riportati sopra sono solo alcuni esempi, stiamo a vedere come e quando questa misura entrerà nella vita di tutte le famiglie italiane estendendo i benefici già previsti nel Jobs Act per la maternità.

 

[Aggiornamento del 10/01/2023] Ecco tutto quello che c’è da sapere per il congedo obbligatorio di paternità.

[Aggiornamento del 05/02/2018] Ecco come fare la domanda per il congedo parentale del padre.

[Aggiornamento del 19/04/2017] Per il 2017 l’Inps ha comunicato che sono stati tolti i due giorni di congedo facoltativo del padre.

[Aggiornamento del 14/11/2016] Arriva l’emendamento che porta da 2 a 5 i giorni di congedo obbligatorio del padre.